Come trasportare le piante durante il trasloco

0
713

Quando si affronta un trasloco le cose a cui pensare sono davvero tantissime. Oltre ai mobili e agli oggetti da imballare, dovrete prestare particolare cura anche alle vostre piante. Queste, infatti, sono delicate e soggette a danneggiamenti per cui andranno trattate con estrema cautela affinché arrivino sane e salve a destinazione. Le piantine molto piccole possono viaggiare con voi nella vostra auto, ma quelle più grandi dovranno necessariamente essere caricate sul camion dei traslochi. Ecco perché si rivela fondamentale “prepararle” a dovere in modo che affrontino il tragitto senza pericoli.
La prima cosa da fare è annaffiarle due giorni prima della data prevista per il trasloco. Va da sé che le piante saranno le ultime cose a essere imballate e portate fuori da casa così che non soffrano la mancanza di luce e acqua.
Per evitare che il terreno si secchi troppo, nei giorni successivi o durante il trasloco, poggiatevi sopra dei batuffoli di cotone imbevuti di acqua. Se vi è possibile, eliminate dalla pianta gli arbusti più alti, in modo tale che non subiscano danni. Per questa operazione, magari chiedete consiglio al vostro fioraio di fiducia. Affinché il volume della pianta si riduca, è opportuno legare i rami con dello spago, avendo cura di non stringerli troppo. Per sicurezza, tra un ramo e l’altro, apponete del cotone così da evitare sfregamenti. Infine, sarebbe preferibile sostituire i vasi di terracotta con vasi di plastica, più maneggevoli, leggeri e meno fragili.
Procuratevi degli scatoloni spessi e alti e sistemate le piante in modo che non vi siano spazi vuoti, se così fosse riempiteli con della carta di giornale. Lasciate gli scatoloni aperti e assicuratevi che i vasi stiano ben fermi.
Visita questa pagina per ulteriori consigli per il trasloco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here